Successivo Perché il Romanista «paziente»